Compagnia Naturalis Labor

The Lovers

Romeo e Giulietta, Amleto e Ofelia, Porzia e Bassanio e tanti altri: amori dichiarati, fuggiti, ostacolati, difficili, impetuosi, carnali, poetici.

The Lovers accompagna lo spettatore nell’universo amoroso di Shakespeare. Uno spettacolo fresco, dolce, ironico, voluttuoso, testardo. Come lo sono i personaggi di Mr. William.

“La compagnia Naturalis Labor ha convinto con lo spettacolo “The Lovers”. In Basilica l’amore furioso libera scintille di passione. …“The Lovers”, lo spettacolo realizzato dalla compagnia Naturalis Labor per le “Conversazioni” del Festival Ciclo spettacoli Classici del Teatro Olimpico di Vicenza, porta in scena dentro e attorno alla Basilica Palladiana il furore e la dolcezza manifestati in tragedie, romance e commedie dagli amanti shakespeariani… Bravissimi i dieci ballerini, intriganti le coreografie di Luciano Padovani e Silvia Bertoncelli, lunghissimi gli applausi del pubblico”.
Lino Zonin, Giornale di Vicenza

The Lovers

Ideazione e regia Luciano Padovani Coreografie e regia Silvia Bertoncelli e Luciano Padovani
Danzano Silvia Bertoncelli, Sara Cavalieri, Jessica D’Angelo, Coralie Meinguet, Alberto Munarin, Paolo Ottoboni, Mirko Paparusso, Marco Pericoli, Daniele Salvitto, Camilla Zecca
costumi Chiara Defant sguardo critico Mauro Zocchetta luci Luciano Padovani

Una coproduzione
Ciclo degli spettacoli Classici del Teatro Olimpico di Vicenza
con Mibac / Regione Veneto / Arco Danza

The Lovers

“La compagnia Naturalis Labor ha convinto con lo spettacolo “The Lovers”. In Basilica l’amore furioso libera scintille di passione. …“The Lovers”, lo spettacolo realizzato dalla compagnia Naturalis Labor per le “Conversazioni” del Festival Ciclo spettacoli Classici del Teatro Olimpico di Vicenza, porta in scena dentro e attorno alla Basilica Palladiana il furore e la dolcezza manifestati in tragedie, romance e commedie dagli amanti shakespeariani… Bravissimi i dieci ballerini, intriganti le coreografie di Luciano Padovani e Silvia Bertoncelli, lunghissimi gli applausi del pubblico”.
Lino Zonin, Giornale di Vicenza